Nurse24.it – Contro (Ipasvi Rovigo): “il Codice Deontologico pane quotidiano dell’infermiere”

ROVIGO. “Ritengo il Codice deontologico dell’infermiere un corpus normativo fondamentale volto alla tutela del cittadino-assistito e della professione, indispensabile per poter erogare un’assistenza di qualità, soprattutto alla luce della responsabilità e della posizione di garanzia rivestita dall’infermiere, un autonomo professionista della
salute”.Con queste parole, Marco Contro, presidente provinciale del Collegio Ipasvi di Rovigo, ha brillantemente sintetizzato il proprio pensiero durante il Corso, accreditato Ecm, interamente ideato, organizzato e prodotto dal Collegio Ipasvi, dal titolo “Il Codice deontologico dell’infermiere: identità, deontologia e responsabilità”, che ha avuto come protagonisti, in qualità di relatori, il Presidente stesso e il Consigliere Sandra Rizzatello.
Un evento, quello svoltosi venerdì 4 marzo nella sala Decreti dell’Ospedale di Adria, realizzato con il patrocinio delle Aziende Ulss 18 e 19 , con la collaborazione del Corso di laurea in Infermieristica della sede di Rovigo, e che ha visto una partecipazione attiva di infermieri e studenti. Oltre settanta, infatti, i presenti in sala, con le prenotazioni andate esaurite nel giro di dieci giorni a testimonianza dell’importanza del tema infermieristico. Positiva anche la
presenza dei futuri infermieri, resa possibile grazie alla sinergia con il Coordinatore didattico e di tirocinio del Corso
di laurea, Elisabetta Spigolon.
Il Presidente Contro e il Consigliere Rizzatello, nel corso del pomeriggio, dopo i saluti portati dal Responsabile del servizio delle professioni sanitarie dell’Ulss 19, Renzo Converso, hanno sviluppato alcune tematiche di maggior interesse focalizzando l’attenzione dell’uditorio sulle implicazioni del Codice deontologico nell’esercizio
professionale, alla luce del quadro normativo, dottrinale e giurisprudenziale in materia.
“Particolare interesse – ha commentato Contro al termine del Corso – ha suscitato il dibattito sull’articolo 49 del Codice che, alla luce di una recente sentenza, dimostra tutta la sua inadeguatezza, prestando il fianco a interpretazioni fuorvianti, assolutamente divergenti rispetto alla ratio che l’ha ispirato”.
Il Consigliere Rizzatello, nel proprio intervento, ha invece esplorato i temi delle cure palliative, della donazione, del fine vita: “Dove morire? Si dovrebbe morire a casa o in un’istituzione? Sul punto di morte questa diventa una domanda estremamente pertinente, a cui ciascuno può dare una risposta diversa. L’infermiere può avere la propria opinione. Ma il suo ruolo è quello di aiutare in maniera neutrale sia il paziente che i suoi cari a decidere cosa fare senza esprimere la propria opinione su cosa sia giusto”.
“Come Consiglio Direttivo – ha concluso Contro – siamo molto soddisfatti del successo di un’iniziativa alla quale lavoravamo da tempo e che rappresenta per noi un nuovo modo di proporre eventi di formazione. Di questo Corso sono previste ulteriori edizioni che avranno luogo nei prossimi mesi. L’obiettivo è quello di raggiungere i nostri iscritti nelle varie realtà sanitarie del Polesine ma anche sensibilizzare i futuri infermieri sui temi cardine della professione”.

icon_link http://www.nurse24.it/ipasvi-rovigo-codice-deontologico-pane-quotidiano-dellinfermiere/

small-pdf-logonurse24.it-Contro Ipasvi Rovigo il Codice Deontologico pane quotidiano dellinfermiere

Michele Busatto
ADMINISTRATOR
PROFILO

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos